HC Project by Sylvio Giardina

di the sputnik girls


Sylvio Giardina, di origine francese nasce a Parigi nel 1967 cresce però in Italia,  ed è proprio a Roma che consegue il diploma di fashion designer all’Accademia di Costume di Moda di Roma. Nel 1999  inizia la collaborazione con Antonio Grimaldi con il quale farà nascere la maison di alta moda Grimaldi e Giardina che durerà fino al 2010. Inseguito inizia una  propria ricerca della figura femminile, che definirei del tutto personale. La donna Giardina è diversa da tutte le altre, futuristica  ed elegante allo stesso tempo e modo. I tagli e le forme dei capi Giardina sono asimmetrici ma armonici simili a sculture viventi, in movimento, possiedono una leggerezza intrinseca e rimandano ad una lontana antichità.

L’ultimo lavoro Autunno-Inverno 2012-2013 di Sylvio Giardina  dal titolo HC Project è influenzato dai lavori della fine degli anni ‘60 del designer Gaetano Pesce, che conosciamo per la sua grande fantasia e principalmente per Up, una serie di sette modelli di poltrone in schiuma poliuretanica che diventano subito una delle icone del design industriale italiano e internazionale. La più celebre è la UP5 che riprende le forme delle statue votive delle dee della fertilità per dare vita a un vero e proprio manifesto di espressione politica sulla condizione femminile nella società della fine degli anni ’60. Questo piccolo resoconto su Pesce è per sottolineare ancora di più la ricerca di Giardina verso la figura sociale e fisica della donna. Sylvio Giardina reinventa la silhouette giocando con forme e volumi in continua trasformazione che avvolgono la figura.
Rigorosi budelli ridisegnano il corpo, vibrano, su esso si propagano in un patchwork di tessuti che dà vita a una nuova identità del capo. Le classiche forme del corpo sono annullate per ricrearne altre, nuove, ispirate alla natura e lontane dai clichè dettati dai ritmi della moda.

Il jersey si fonde con il polietilene espanso e strutture organiche si compongono come anche l’organza che genera un derma metallico, seguendo un percorso mai lineare. Affascinato dai ritratti di Steve McCurry, si appropria dei colori del sud-est asiatico: nero, tortora, bronzo, viola, avorio, turchese, rosso rame, beige, blu avio e varie sfumature di verde compongono la palette di colori della collezione.

photo: Dominga Colonna per betterbadgood.it

stylist: Marco Grisolia

model: Eleonora Rio

fashion coordinator: Romina Toscano @Studio DModa

hair & make-up: Antonio Ciaramella

Author: Alexia Mingarelli

Annunci